Home Fantasy IL SIGNORE DEGLI ANELLI – LA SERIE DA UN MILIARDO DI DOLLARI

IL SIGNORE DEGLI ANELLI – LA SERIE DA UN MILIARDO DI DOLLARI

written by Stefania Sottile aprile 6, 2018

Quasi 45 anni dopo la sua morte, J.R.R. Tolkien ha segnato il più grande accordo hollywoodiano del 2017. Difatti, il 13 novembre, Amazon Studios ha battuto Netflix per un accordo sui diritti per la realizzazione della serie tv ispirata al mondo di Tolkien da 250 milioni di dollari che coinvolge anche HarperCollins e la NewLine Cinema.

The Hollywood Report ci giungono notizie molto rassicuranti. In primis, sappiamo che l’impegno prevede la realizzazione di cinque stagioni per portare Il Signore degli Anelli sul piccolo schermo. Sappiamo con certezza che si preclude una produzione entro due anni, secondo i termini del contratto.

Quanto alle spese di produzione come casting, produttori e effetti visivi sono stati presi in considerazione con molta attenzione. Per renderla “grandiosa” quanto ai film precedenti, la serie dovrebbe costare circa un miliardo di dollari, rendendolo la “serie TV più costosa di sempre“.

L’avvocato Matt Galsor, che è stato il principale artefice dell’operazione e ha rottamato la proprietà di Tolkien, ha steso termini che includono un potenziale spin-off.

Si tratta dell’accordo più complesso che abbia mai visto, ma è stato portato a termine piuttosto velocemente. Entrambe le parti sono giunte insieme ad un accordo condiviso. È stata dura, ma tutti si sono piaciuti e si sono sentiti come una squadra nel momento in cui abbiamo chiuso l’accordo.

Dan Scharf, responsabile degli affari televisivi di Amazon, è stato il punto di riferimento per il gigante dello streaming. La NewLine e la genitrice Warner Bros. non hanno mai avuto diritti televisivi su Rings, ma Amazon potrebbe utilizzare materiale dei film, così sono stati introdotti nel colloquio Toby Emmerich, presidente e responsabile dei contenuti della NewLine, Carolyn Blackwood e Warner Bros. Picture Group.

I diritti del libro di Tolkien hanno una storia lunga e complicata. Poiché l’autore aveva originariamente venduto diritti de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli agli United Artists nel 1969, hanno ottenuto punti nelle mani di MGM, produttore Saul Zaentz e Miramax prima che NewLine pubblicasse i sei mega-adattamenti di Peter Jackson, iniziando nel 2001. Questi film hanno incassato $5,85 miliardi in tutto il mondo al botteghino, sottolineando la popolarità duratura della proprietà.

Ma sappiamo anche un’altra informazione che vede il coinvolgimento di Peter Nelson, il legale di Peter Jackson. Supponiamo che questo incontro sia avvenuto probabilmente per discutere di un suo coinvolgimento con la produzione.
Nelson non era parte delle trattative iniziali, ma riferendosi all’accordo, ha dichiarato:

Si tratta di qualcosa che è il risultato dei nostri tempi. Siamo in un’era in cui le piattaforme streaming stanno alzando il prezzo della programmazione. Credo che Amazon stia prendendo a modello la grande enfasi posta dagli studios sui franchise. Hanno anche capito che con la grande mole di prodotti televisivi attuali, bisogna mantenere gli occhi degli spettatori sullo schermo, ed è una cosa che si può ottenere con i franchise.

Secondo la nostra opinione, il coinvolgimento di Jackson come produttore esecutivo, darebbe seguito alle due trilogie già realizzate, mettendo in condizione il pubblico di ritrovarsi davanti agli occhi non una trasformazione dell’immaginario ma bensì un panorama e scenario già familiare. Altrimenti, sarebbe inevitabile per chiunque un confronto tra un prodotto ex-novo ed i sei film.

Da non sottovalutare, considerando il nuovo budget dichiarato, la possibilità che la Nuova Zelanda possa ospitare le location per la realizzazione della produzione.

Ti potrebbero piacere

Lascia un commento