Home Recensioni “IN A LEGEND – DISCLOSURE” DI A.V. ENELYN – RECENSIONE

“IN A LEGEND – DISCLOSURE” DI A.V. ENELYN – RECENSIONE

written by Enrica Antonini Novembre 17, 2020
In A Legend -Copertina

Cosa faresti se all’improvviso una leggenda proveniente da un passato lontanissimo diventasse la tua nuova realtà stravolgendo completamente tutte le tue certezze e prospettive per il futuro? Cosa faresti se ti rendessi conto che dentro di te albergano sentimenti che hai sempre represso e che uno su tutti, in particolare, è quello che ti definisce più profondamente e che è in grado di conferirti un enorme potere?

È quello che succede a Josie Seawater, diciottenne dal carattere piuttosto introverso che, a seguito di un forte trauma vissuto anni prima a cui è seguita, poco tempo dopo, la morte della madre, ha creato una corazza invalicabile intorno alla propria interiorità, giurando a se stessa che non si sarebbe mai più fatta scalfire da nulla.
Dopo la morte della madre, anche il padre l’aveva abbandonata, nel suo caso non per passare a miglior vita, ma per rifarsene un’altra, di vita, lontano migliaia di chilometri dalla figlia.
Josie cresce quindi con la zia Lely, personaggio chiave del libro, sorella della madre e amorevole “tutrice” della nipote, con la quale va a vivere nella casa originariamente abitata da tutta la famiglia di Josie.
Tutto sembra scorrere più o meno tranquillamente nella vita della giovane, a parte qualche sogno indecifrabile e un paio di episodi quasi allucinatori che la sconcertano, ma senza allarmarla più di tanto; ciò che le conferisce un leggero, ma costante, stato di ansia è, piuttosto, l’avvicinarsi della fine del Liceo: si sa che chiudere un capitolo della propria vita non è mai facile, soprattutto quando i tuoi amici e la routine scolastica sono una delle poche certezze che ti sono rimaste, tant’è che Josie rifugge in tutti i modi la fatidica domanda che tutti sembrano volerle porre: “Cosa farai adesso?”
Ma a sconvolgerle davvero l’esistenza è la riapparizione improvvisa del padre, che pochi mesi dopo la morte della moglie era volato dal Regno Unito a Miami e si era rifatto lì una vita, spezzando una seconda volta il cuore di sua figlia già devastata dalla perdita della madre.
Ora, dopo tre anni, si ripresenta al suo cospetto dandole una notizia scioccante e invitandola a Miami per l’estate. Decisa a rifiutare categoricamente sulle prime, viene poi convinta a partire dalla sua migliore amica: Sam. Sarebbe partita anche lei con Josie, dando inizio all’estate che avrebbe rivelato segreti e sconvolto completamente la vita delle due ragazze… e non solo.

Valeria Messina e Antonietta Fusto (classe ‘96 e ‘97) sono due ragazze siciliane di Paternò, in provincia di Catania, amiche inseparabili da sempre (loro stesse si definiscono “amiche per caso, sorelle per scelta”) e accomunate, tra le altre cose, dalla grande passione per la lettura. All’età di diciannove anni decidono di cimentarsi nella scrittura e di scrivere un paranormal romance a quattro mani. Al momento di “firmare” il manoscritto scelgono di fondere Lely ed Enny, i soprannomi che le hanno accompagnate sin dai primi anni dell’adolescenza, trasformandoli nello pseudonimo Enelyn con cui pubblicano In a legend – Disclosure uscito nel 2018 e oggi diventato il primo capitolo della trilogia Legend Series.

Personalmente, sono un’amante del fantasy di lungo corso e so che è molto difficile muoversi in questo terreno realizzando qualcosa in grado di colpire il lettore. Ci vogliono o una grande penna in grado di affrescare un altrove magico perfettamente tratteggiato, capace di far perdere l’orientamento al lettore e fargli vivere avventure incredibili o, forse ancora più difficile, la capacità di raccontare una storia nuova, originale, mai raccontata. Per fortuna a far da contraltare c’è la parte più entusiasta di me, che è felice che ci siano nuove generazioni che si appassionano al genere che ha guidato la mia formazione al punto da decidere di provare a scrivere un fantasy.

Questo però è un fantasy un po’ particolare, meglio definito come paranormal romance, e infatti la parte romance c’è e si sente molto.

Ma entriamo un po’ nel dettaglio più tecnico.
La prima parte del romanzo è sicuramente quella più problematica. Per la prima metà del libro, infatti, fatti salvi alcuni sporadici accenni, l’impressione è quella di trovarsi davanti a un testo di genere romance.

L’incontro di Josie con Aiden, e il lunghissimo racconto dell’evoluzione della loro storia conflittuale, si dipana per una buona metà del libro, senza tuttavia scendere nell’interiorità e nella complessità dei protagonisti che non riescono a evolversi e maturare all’interno della storia.
Nonostante questo, lo stile di questa prima parte è comunque buono e la lettura non risulta mai noiosa, spingendo il lettore a proseguire con curiosità.

Da pagina 200 in poi si percepisce la svolta e la contaminazione decisa con il fantasy, nella cui cornice si dipana l’intrigo che mette insieme tutti i pezzi del puzzle che erano stati disseminati qua e là nella trama.
Questa parte è molto più convincente ed è qui che si apprezza maggiormente il talento delle due autrici, alle quali va il nostro consiglio di battere questa strada, perché riesce loro decisamente molto bene.

L’intreccio è ben congeniato e, seppur con qualche ingenuità dovuta, probabilmente, all’inesperienza, la storia c’è, tiene ed è anche avvincente.
Non ci sono veri e propri colpi di scena, però il ritmo della narrazione è ben serrato e coinvolge molto nella lettura, viene proprio voglia di vedere come andrà a finire e quale sarà la mossa successiva nell’eterna lotta tra Bene e Male.

La prosa di questo primo romanzo che, ricordiamolo, è il primo di una trilogia, risulta ancora un po’acerba.  Come molte opere prime, soprattutto quelle realizzate a quattro mani, risente di tutti i problemi legati all’inesperienza. Tuttavia, le autrici hanno dimostrato di avere talento, perché anche se il decollo, nella scrittura, arriva dopo una lunghissima pista di lancio, l’arrivo ha un grande potenziale.

In a legend – Disclosure è, insomma, una promettente opera in potenza, che potrebbe davvero ambire a più alti livelli con un attento lavoro di revisione e limatura volto a equilibrare meglio la storia e a far risaltare l’intento delle autrici.

Insomma, ci sentiamo di consigliare quest’opera agli amanti del genere romance, oltre che del fantasy, che abbiano il desiderio di una piacevole lettura di svago.

Ti potrebbero piacere

Lascia un commento